Henry Kissinger e il petrolio dello Sceicco

Di Stefania Elena Carnemolla


How US troops would seize Saudi oil wells: era il 9 febbraio 1975 quando il quotidiano The Sunday Times rivelò un piano statunitense per il saccheggio del petrolio saudita.

IMMAGINE 1jpg

Articolo del quotidiano The Sunday Times del 9 febbraio 1975

Un primo piano per la conquista dei pozzi dell’Arabia Saudita e del Kuwait, con la richiesta a Londra di preparare un’operazione analoga ad Abu Dhabi, era stato elaborato nel 1973 dalla Casa Bianca durante la crisi petrolifera con l’embargo del petrolio arabo.


IMMAGINE 2jpg

Summit in Kuwait nell’ottobre del 1973 per discutere di petrolio come arma contro gli Stati Uniti durante la crisi mediorientale © Associated Press


IMMAGINE 3jpg

Conseguenze dell’embargo del petrolio saudita © Associated Press

Nel marzo del 1975 lo Harper’s Magazine pubblicò sotto lo pseudonimo di Miles Ignotus l’articolo Seizing Arab Oil, un richiamo alla forza militare come strumento per ottenere quel che difficilmente si sarebbe potuto avere per via ordinaria: “La violenza militare va impiegata in maniera selettiva per occupare grandi e concentrate riserve di petrolio da cui è possibile procedere con l’estrazione in maniera veloce ed efficiente per dare un taglio alla scarsità dei rifornimenti e in questo modo poter abbassare drasticamente i prezzi”. E ancora: “Se questo è l’obiettivo da raggiungere, uno solo è l’obiettivo chiaro agli occhi di tutti: l’Arabia Saudita”.



IMMAGINE 4jpg

Pompa di benzina in Arabia Saudita © Peak Oil

Una coincidenza di non poco conto. Il 13 gennaio di quell’anno Henry Kissinger, allora segretario di Stato del presidente americano Richard Nixon, in un’intervista a Business Week s’era, non a caso, detto favorevole ad un attacco militare contro l’Arabia Saudita nella cornice di un’appropriazione delle sue risorse energetiche: “L’impiego di massicce strategie di guerra contro paesi come l’Arabia Saudita potrebbe far sì che questi paesi, qualora decidessero di non collaborare, vedrebbero entrare in pericolo la propria stabilità politica”.


IMMAGINE 5png

Pozzo di petrolio in Arabia Saudita © Arab News

Confrontando le parole di Henry Kissinger su Business Week con quelle dello Harper’s Magazine più di uno sospettò che Miles Ignotus fosse in realtà Henry Kissinger. Nell’agosto del 1975 venne allora preparato uno studio sui campi petroliferi come obiettivo militare: Oil Fields as Military Objectives: A Fleasibility Study, Prepared for the Special Subcommittee on Investigations, venuto alla luce solo molto tempo dopo.